INFLUENZA AVIARIA A MONZAMBANO (MN): ORDINANZA DELLA REGIONE VENETO CON RESTRIZIONI PER ALLEVAMENTI DI POLLI E VOLATILI A VALEGGIO, PESCHIERA, LAZISE, CASTELNUOVO DEL GARDA, SONA, SOMMACAMPAGNA E VILLAFRANCA

Comunicato stampa N° 238 del 17/02/2017
(AVN) Venezia, 17 febbraio 2017


Un nuovo focolaio di influenza aviaria, riscontrato in un allevamento di volatili, nel comune mantovano di Mozambano, ha indotto la Regione Veneto ad emanare un’ordinanza che dispone una serie di misure restrittive per contenere l’eventuale diffusione del virus H5N8.

L’ordinanza istituisce un zona definita “di protezione” e una definita “di sorveglianza”, così come segue:
.
1) zona di protezione così delimitata:
- Comune di Valeggio sul Mincio (Vr), a ovest della località Monte Magrino

2) zona di sorveglianza così delimitata:
- Comune di Valeggio sul Mincio (VR): a est della Località Monte Magrino;
- Comune di Villafranca di Verona (VR): a ovest di via Carlo Poma, Via De Amicis, via Gorizia, via dei
Dossi, SP24, SP54;
- Comune Sommacampagna (VR): a ovest via Cappello, strada Staffalo, golf club Verona;
- Comune di Sona (VR): a ovest di strada Località Casa Stefania, a sud di via Santini, a ovest di via Cason;
- Comune di Castelnuovo del Garda (VR): a ovest via Palazzina, via Crosara;
- Comune di Lazise (VR): a sud di Strada della Crosona, strada della Pelarola, a ovest di via Belvedere, a sud
di via Marengo, a est di via Peschiera, a sud di strada del Capitel e strada dell’Orba;
- Comune di Peschiera del Garda (VR);


Le misure previste nella zona di protezione e di sorveglianza sono:

a) censimento di tutte le aziende avicole e degli animali presenti;
b) sopralluogo, da parte dei veterinari ufficiali dei Servizi veterinari delle Az. ULSS, presso tutte le aziende commerciali per sottoporre ad esame clinico il pollame e gli altri volatili in cattività;
c) attuazione di un'ulteriore sorveglianza sierologica e virologica conformemente alle indicazioni operative regionali e nazionali in modo da individuare l'eventuale ulteriore diffusione dell'influenza aviaria nelle aziende ubicate nella zona di protezione.

Tra le ulteriori misure da applicare nella Zona di Protezione l’ordinanza prevede:

a) L’isolamento del pollame
b) La distruzione delle carcasse
c) il divieto di movimentazione di pollame, pollastre, pulcini di un giorno, uova all’interno dell’intera Zona, senza autorizzazione del veterinario ufficiale
d) il registro dei visitatori dell’azienda
e) il divieto di rimozione e spargimento di pollina
f) Il divieto di trasporto carni di pollame dai macelli e dai depositi frigoriferi

Tra le misure da applicare nella Zona di Sorveglianza si prevede:
a) Divieto di movimentazione di pollame, pulcini e uova
b) Misure di biosicurezza per chiunque entri ina zienda
c) Disinfezione dei veicoli e attrezzature utilizzati per trasporto pollame, carcasse, mangimi, liquami e qualsiasi altro materiale utilizzato negli allevamenti
d) Registro dei visitatori dell’azienda


Data ultimo aggiornamento: 17/02/2017

luca zaia influenza aviaria
Archivio Comunicati
Notizia n. 259 del 21/02/2017

AFFIDATI I SERVIZI DI GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEL COMPLESSO TERMALE DI RECOARO. FORCOLIN: “ORA SARÀ POSSIBILE RIQUALIFICARE L’AREA”

21/feb/2017 | A meno di un mese dalla assegnazione del compendio termale di Recoaro dalla Società SVEC alla Regione del Veneto, sono stati affidati in concessione alla società “Terme di Recoaro” i servizi di gestione, custodia e valorizzazione del bene, a conclusione di una procedura negoziata che ha consentito di selezionare una proposta di utilizzo adeguata e coerente con gli obiettivi dell’Amministrazione Regionale. “Già dai prossimi mesi – afferma con soddisfazione il vicepresidente della Regione del Veneto, Gianluca Forcolin – sarà quindi possibile dar corso a tutte le iniziative necessarie per la riqualificazione dell’area

Notizia n. 257 del 21/02/2017

PRESENTATO IL PROGETTO DELLA CICLOVIA “VEN.TO” DA TORINO A VENEZIA

21/feb/2017 | Si è tenuto oggi a Venezia il workshop di presentazione del progetto della ciclovia “VEN.TO” che, con un percorso che prevalentemente costeggerà il corso del fiume Po, attraversando 4 Regioni, 12 Province e 121 Comuni, collegherà Torino a Venezia. Il progetto ha preso il via dopo la recente sottoscrizione delle intese tra il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (MIT), il Ministero dei beni delle attività culturali e del turismo (MIBACT) e le Regioni Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte. L’incontro, a cui hanno partecipato gli assessori regionali ai lavori pubblici e infrastrutture, Elisa De Berti, all’ambiente, Gianpaolo Bottacin e al turismo, Federico Caner e i rappresentanti delle amministrazioni locali interessate, dell’Agenzia Interregionale per il fiume Po e dei Consorzi di Bonifica, è stata l’occasione per discutere del tracciato della ciclovia, ma anche per fare il punto sulle iniziative regionali in materia di “mobilità leggera”.

Notizia n. 254 del 21/02/2017

APPROVATO COLLEGAMENTO SCIISTICO TRA “POCOL-TOFANA” E “5 TORRI”. CANER: “INTERVENIAMO SU QUELLA CHE SARÀ L’AREA DI ALLENAMENTO E QUALIFICHE DEI MONDIALI 2021 A CORTINA”

21/feb/2017 | Su proposta dell’assessore al turismo, Federico Caner, la Giunta regionale del Veneto ha approvato oggi lo sviluppo del collegamento sciistico tra le aree di “Pocol-Tofana” e delle “5 Torri” in una nuova area (tecnicamente definita demanio sciabile) denominata “Son dei Prade – Socrepes – Bai de Dones”.

Notizia n. 256 del 21/02/2017

REFERENDUM AUTONOMIA: PRESIDENTE ZAIA, “E' IL FONDAMENTO PER IMPEGNARE IL GOVERNO AD ATTRIBUIRE AL VENETO LE COMPETENZE CHE LA COSTITUZIONE CI RICONOSCE”

21/feb/2017 | presidente Luca Zaia interviene in Consiglio regionale spiegando l'iter e le ragioni del referendum sull'autonomia regionale