INFLUENZA AVIARIA A MONZAMBANO (MN): ORDINANZA DELLA REGIONE VENETO CON RESTRIZIONI PER ALLEVAMENTI DI POLLI E VOLATILI A VALEGGIO, PESCHIERA, LAZISE, CASTELNUOVO DEL GARDA, SONA, SOMMACAMPAGNA E VILLAFRANCA

Comunicato stampa N° 238 del 17/02/2017
(AVN) Venezia, 17 febbraio 2017


Un nuovo focolaio di influenza aviaria, riscontrato in un allevamento di volatili, nel comune mantovano di Mozambano, ha indotto la Regione Veneto ad emanare un’ordinanza che dispone una serie di misure restrittive per contenere l’eventuale diffusione del virus H5N8.

L’ordinanza istituisce un zona definita “di protezione” e una definita “di sorveglianza”, così come segue:
.
1) zona di protezione così delimitata:
- Comune di Valeggio sul Mincio (Vr), a ovest della località Monte Magrino

2) zona di sorveglianza così delimitata:
- Comune di Valeggio sul Mincio (VR): a est della Località Monte Magrino;
- Comune di Villafranca di Verona (VR): a ovest di via Carlo Poma, Via De Amicis, via Gorizia, via dei
Dossi, SP24, SP54;
- Comune Sommacampagna (VR): a ovest via Cappello, strada Staffalo, golf club Verona;
- Comune di Sona (VR): a ovest di strada Località Casa Stefania, a sud di via Santini, a ovest di via Cason;
- Comune di Castelnuovo del Garda (VR): a ovest via Palazzina, via Crosara;
- Comune di Lazise (VR): a sud di Strada della Crosona, strada della Pelarola, a ovest di via Belvedere, a sud
di via Marengo, a est di via Peschiera, a sud di strada del Capitel e strada dell’Orba;
- Comune di Peschiera del Garda (VR);


Le misure previste nella zona di protezione e di sorveglianza sono:

a) censimento di tutte le aziende avicole e degli animali presenti;
b) sopralluogo, da parte dei veterinari ufficiali dei Servizi veterinari delle Az. ULSS, presso tutte le aziende commerciali per sottoporre ad esame clinico il pollame e gli altri volatili in cattività;
c) attuazione di un'ulteriore sorveglianza sierologica e virologica conformemente alle indicazioni operative regionali e nazionali in modo da individuare l'eventuale ulteriore diffusione dell'influenza aviaria nelle aziende ubicate nella zona di protezione.

Tra le ulteriori misure da applicare nella Zona di Protezione l’ordinanza prevede:

a) L’isolamento del pollame
b) La distruzione delle carcasse
c) il divieto di movimentazione di pollame, pollastre, pulcini di un giorno, uova all’interno dell’intera Zona, senza autorizzazione del veterinario ufficiale
d) il registro dei visitatori dell’azienda
e) il divieto di rimozione e spargimento di pollina
f) Il divieto di trasporto carni di pollame dai macelli e dai depositi frigoriferi

Tra le misure da applicare nella Zona di Sorveglianza si prevede:
a) Divieto di movimentazione di pollame, pulcini e uova
b) Misure di biosicurezza per chiunque entri ina zienda
c) Disinfezione dei veicoli e attrezzature utilizzati per trasporto pollame, carcasse, mangimi, liquami e qualsiasi altro materiale utilizzato negli allevamenti
d) Registro dei visitatori dell’azienda


Data ultimo aggiornamento: 17/02/2017

luca zaia influenza aviaria
Archivio Comunicati
Notizia n. 1679 del 11/12/2017

SANITA’. RAGGIUNTO ACCORDO TRA REGIONE VENETO E MEDICI DI MEDICINA GENERALE.

11/dic/2017 | SANITA’. RAGGIUNTO ACCORDO TRA REGIONE VENETO E MEDICI DI MEDICINA GENERALE.

Notizia n. 1678 del 11/12/2017

SANITÀ: PRESIDENTE ZAIA, “COMPLIMENTI ALLA CHIRURGIA VASCOLARE DI TREVISO, A RIPROVA DELL'ORDINARIA STRAORDINARIETÀ DEI MEDICI OSPEDALIERI DEL VENETO”

11/dic/2017 | Presidente Luca Zaia si congratula con unità di chirurgia vascolare dell'ospedale Cà Foncello di Treviso per scambio di esperienze con ospedale del New Jersey

Notizia n. 1676 del 11/12/2017

METEO. RISCHIO VALANGHE SULLE MONTAGNE VENETE

11/dic/2017 | meteo valanghe

Notizia n. 1675 del 11/12/2017

ASSESSORE CANER INCONTRA AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI AURONZO (BL): “LAVORIAMO INSIEME PER IL RILANCIO DEL CADORE”

11/dic/2017 | L’assessore al turismo e all’economia montana della Regione del Veneto, Federico Caner, ha incontrato stamane nel municipio di Auronzo di Cadore il sindaco Tatiana Pais Becher e la giunta comunale per un confronto a “tutto campo” non solo sulle tematiche relative alla promozione e all’accoglienza turistica, ma più complessivamente sulle opportunità di sviluppo della nota località della Val d’Ansiei.